Venture capitalist Venture capitalist
06 Mar

Venture capital e investimenti: cinque consigli utili

Di 
(0 Voti)

Venture capital e investimenti: cinque consigli per diventare venture capitalist

 Come si diventa venture capitalist? È questa la domanda che spesso si sente rivolgere chi opera nel mondo del venture capital. John Greathouse, imprenditore, investitore e Professore presso la University of California Santa Barbara, ha elaborato cinque consigli che possono rivelarsi molto utili per tutti coloro che decidono di iniziare questo percorso, ovviamente non esente da rischi, e che non abbiano già una carriera all’interno di banche o non siano imprenditori con una (lunga) storia alle spalle.

  1. Frequentare l’ambiente delle startup

Conoscere imprenditori o aspiranti tali, trascorrere del tempo in loro compagnia, offrire il proprio supporto e aiuto a incubatori e acceleratori: questo è un modo per iniziare a farsi conoscere nel settore e capire le sue dinamiche. Inoltre anche frequentare avvocati, investitori e banchieri che vivono direttamente il settore può essere d’aiuto per entrare nell’ambiente.

  1. Farsi notare come “star performer” di una startup

Essere riconosciuto come uno degli artefici della buona riuscita di una startup sicuramente aumenta le possibilità di entrare a far parte di un fondo di venture capital, anche se magari non da subito tra le figure manageriali.

  1. Frequentare venture capitalist

Se si hanno delle capacità particolari, che possano in qualche modo aiutare negli investimenti, si possono sfruttarle a proprio vantaggio, diventando una figura di cui i venture capital possano aver bisogno.

  1. Diventare un Business Angel

Prima di entrare nel venture capital, cominciare diventando un Business Angel aiuta a comprendere le proprie potenzialità e la capacità di valutare e riconoscere una startup che meriti davvero l’investimento. Inoltre, sottolinea Greathouse, in questo modo si riesce anche a comprendere fino a che punto si è disposti a diventare un vero e proprio “investitore” dopo aver provato l’esperienza da “operatore”.

  1. Aprire un proprio fondo di venture capital

Non è di certo semplice raccogliere fondi per chi non abbia già una certa reputazione, ma ogni anno c’è sempre qualche investitore che riesce a vincere questa scommessa contro ogni aspettativa. Lavorare nel venture capital non è da tutti ma, una volta realizzato questo sogno, Guesthouse sottolinea come si possa sempre crescere e migliorare. I partner con cui si ha la fortuna di lavorare possono fare la differenza anche nella propria, personale ascesa.

Letto 438 volte Ultima modifica il Lunedì, 06 March 2017 14:54
Devi effettuare il login per inviare commenti

Equinvest S.r.l.

  • Piazza del Popolo 3, Roma
  • Tel: +39 02 92853972
  • Fax: +39 06 92943542
  • ti.tsevniuqe@enoizerid
  • P.IVA 12917981008
  • Capitale sociale
  • € 328.397,55 i.v.

Social